Venerdi 9 Dicembre

Zidane allenatore, Marcello Lippi si stupisce: “non me lo sarei mai aspettato”

LaPresse/EFE

L’ex ct azzurro sottolinea in un’intervista all’Equipe il suo stupore nel vedere Zidane sulla panchina del Real Madrid

Anni indelebili, trascorsi con la maglia bianconera addosso, intento ad incantare con quel pallone tra i piedi. Zinedine Zidane adesso allena il Real Madrid, ma il suo passato non può che essere accostato anche alla Juventus, dove a lanciarlo fu nientemeno che Marcello Lippi, subito convinto dai mezzi tecnici del francese.

 LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Mai avrei pensato potesse diventare un giorno allenatore” confida con un filo di stupore l’allenatore viareggino durante un’intervista all’Equipe. “È un cliché dire che un giocatore è un allenatore in campo, ma nella mia carriera ho avuto solo Didier così. Altri grandi giocatori che ho allenato però poi sono diventati allenatori a mia sorpresa. Tra questi Zidane: mai avrei pensato potesse fare l’allenatore un giorno. Esordire già con il Real Madrid è una fortuna incredibile, anche perché ha potuto fare un po’ di esperienza prima per affinare il suo metodo di allenamento. Ma gente come Zidane deve stare in grandi squadre poiché ne conoscono alla perfezione la psicologia, in caso di vittoria e di sconfitta. In ogni caso, i giocatori avversari giocano con l’idea di battere Ronaldo e compagni, non Zidane in panchina“. Infine, Lippi ricorda un piccolo aneddoto che risale ai tempi bianconeri: “un giorno mi chiese di essere ceduto, gli risposi che era pazzo e che lo avrei mandato in campo sempre da titolare”. Tempi lontani, dolci ricordi, adesso il presente è blanco, stasera Zidane dovrà dimostrare all’Europa di valere i quarti di Champions: alla Roma il compito di evitarlo!