Domenica 11 Dicembre

Usa l’identità di un ex calciatore dell’Inter: ecco l’escamotage di uno degli attentatori di Bruxelles

LaPresse / Marco Lussoso

L’attentatore di Bruxelles Khalid El Bakraoui ha usato la falsa l’identità di Ibrahim Maaroufi, ex calciatore dell’Inter per coprire i suoi piani criminali

Khalid El Bakraoui, l’attentatore che nei giorni scorsi si è fatto espolodere nella metro di Bruxelles, ha usato l’identità di un ex calciatore dell’Inter, Ibrahim Maaroufi, per poter affittare un appartamento, divenuto poi la base strategica in cui sono state architettate le stragi di Parigi. Secondo quanto riferito da Sky TG24, il calciatore in questione sarebbe Maaroufi, centrocampista di origini belga-marocchine. Maaroufi nella sua esperienza in Italia ha vestito le maglie di Inter, Vicenza e Paganese, mentre da dicembre gioca nello Schaerbeek, la squadra del quartiere di Bruxelles in cui vivevano i fratelli El Bakraoui.

LaPresse  / Marco Lussoso

LaPresse / Marco Lussoso

Khalid El Bakraoui, nel suo viaggio verso Atene, era riuscito a passare anche dall’Italia a fine luglio 2015. Poco piu’ di un mese dopo, il 3 settembre, come raccontato in una nota della procura belga, El Bakraoui ha affittato per la durata di un anno un appartamento in Rue de Fort a Charleroi con la falsa identità di Ibrahim Maaroufi, nato a Bruxelles il 18 gennaio 1989. Il 9 dicembre dello scorso anno la polizia belga ha effettuato una perquisizione all’interno dell’ appartamento di Charleroi: nell’abitazione gli agenti non hanno trovato nè armi nè esplosivo, ma le impronte digitali della mente delle stragi in Francia Abaaoud e di Bilal Hadfi, il giovane terrorista che si è fatto esplodere nella strage dello Stade de France di Parigi. Le autorità italiane stanno verificando in che modo il terrorista sia riuscito ad impossessarsi dell’identità del calciatore.