Sabato 10 Dicembre

Una polemica lunga 18 anni, parla l’arbitro di Juve-Inter: “rigore? Nemmeno sotto tortura”

MARCO LUSSOSO

Piero Ceccarini, arbitro dell’ormai famoso Juventus-Inter, torna a parlare dello scontro di gioco tra Ronaldo e Iuliano e ammette: “non fischierei rigore nemmeno sotto tortura”

Una decisione capace ancora di far discutere e di accendere gli animi a distanza di diciotto anni. Nel giorno della semifinale di ritorno della TIM Cup tra Inter e Juventus a tenere banco è ancora lo scontro tra Iuliano e Ronaldo: “Se darei quel rigore? No, neanche sotto tortura”, dichiara in maniera decisa Piero Ceccarini, arbitro di quella gara entrata suo malgrado nella storia. Nel corso di un’intervista rilasciata al ‘Tirreno’, Ceccarini ribadisce le proprie verità sull’episodio incriminato: “Purtroppo su internet girano alcuni articoli nei quali sembra che io abbia ammesso l’errore, ma purtroppo certe frasi sono state mal interpretate. Dalle immagini si vede chiaramente che Ronaldo va su Iuliano, non viceversa: lo juventino cade infatti all’indietro, dato che riceve un corpo in corsa. Io ero in campo, a pochi metri. L’intenzione del difensore è di interrompere la corsa dell’attaccante, che però sposta la palla e non la segue. Iuliano è fermo al momento del contatto, su questo non ci sono dubbi. A Pagliuca dissi che nel basket sarebbe stato un fallo di sfondamento.Simoni mi tira sempre in ballo nelle sue mille interviste, mi attacca e dice cose da querela. Guardi, forse avrei dovuto fischiare una punizione a favore della Juventus”.