Domenica 11 Dicembre

Traffico in calo in Italia: tutti i perché della nuova tendenza

Il traffico nelle città italiane risulta in calo per numerosi motivi che vanno dalla lenta ripresa economica, passando per l’aumento del car sharing

Dopo anni di crescita senza sosta, il livello del traffico nelle città italiane è calato per ben due anni consecutivi, con il 2015 che ha visto scendere le ore passate negli ingorghi urbani ad una media di 19 ore in 12 mesi, ovvero un ora in meno rispetto al 2014. I dati sopra elencati sono emersi da un’approfondita ricerca denominata INRIX Traffic Scorecard ed elaborata dall’autorevole istituto INRIX, leader globale nelle tecnologie per auto connesse e per l’analisi dei dati sul traffico.traffico 2

Il rapporto ha preso in analisi il livello del traffico di ben 96 città europee nel corso del 2015, dove si evince un calo della congestione nelle strade del nostro paese per il secondo anno consecutivo, anche se questa diminuzione ha lasciato l’Italia al 10° posto tra le nazioni più trafficate al livello europeo, con la classifica che risulta guidata dal Belgio, con ben 44 ore passate nel traffico ogni anno.

Analizzando il traffico delle singole città della nostra penisola scopriamo che Milano si conferma la città più trafficata con di 52 ore perse in auto a fare lunghe file, mentre la seconda città risulta a sorpresa Cagliari, anche se in questo caso le ore risultano dimezzate. Il calo del traffico ha interessato metà principali città italiane: su 13 centri urbani analizzati, sei hanno registrato un abbassamento dei livelli di traffico. Roma ha speso in media due ore in meno nel traffico rispetto al 2014, scendendo dal secondo fino al quarto posto delle città più congestionate. Le altre diminuzioni hanno interessato città come Firenze,  che ha registrato ben -3 tre ore,Torino (-2), Brescia (-2) e Bologna (-1).

Ma perché il traffico in Italia continua a calare? L’Italia sta vivendo una leggera ripresa economica che ha fermato la drastica diminuzione delle vendite d’auto, anzi nel 2015 il settore automotive ha vissuto una vera e propria rinascita con rialzi che hanno toccato il 16%. Le motivazioni di questo fenomeno vanno ricercate nell’aumento del car sharing pubblico, specie nelle grandi città come Milano, Roma, Firenze  eTorino. Un altro elemento è l’aumento degli investimenti relativi al trasporto pubblico: a Milano sono state recentemente inaugurate 10 stazioni della metro lilla, mentre a Roma è entrata in funzione la nuova Metro C e la Metro B1 ha finalmente raggiunto il pieno ritmo. Bologna ha registrato un aumento dell’8,9% degli abbonamenti mensili relativi ai servizi di trasporto pubblico locale, mentre  a Torino il numero dei passeggeri della metropolitana è aumentato di ben il  3%.