Venerdi 9 Dicembre

Terremoto in MotoGp: Carmelo Ezpeleta rischia il carcere!

Multe non pagate, fatture fittizie ed evasioni fiscali: guai in vista per Ezpeleta che adesso rischia davvero di finire in manette

Nuvoloni neri si addensano su Carmelo Ezpeleta in questo marzo che volge al termine e che ha battezzato l’inizio della nuova stagione di MotoGp. Il boss del circus delle due ruote è stato accusato dall’imprenditore piemontese Pier Carlo Bottero di ‘amministrazione fraudolenta’ collegata ad una vicenda di presunte società di comodo mediante le quali Ezpeleta avrebbe evaso fatture per un valore di 70 milioni di euro.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Accanto alle accuse di Bottero, ci sarebbe anche la costituzione come parte civile di Manos Limpias, un sindacato di funzionari pubblici spagnolo che vorrebbe vederci chiaro in questa torbida vicenda. Si staglia all’orizzonte lo spettro della prisòn provisional per il numero uno della MotoGp, considerata “la gravità e reiterazione dei fatti” nonché il “pericolo di fuga all’estero“. Come se non bastasse su Ezpeleta pende anche la condanna di inizio marzo al pagamento di 3,9 milioni di euro per aver evaso il pagamento di 25 milioni di tributi nel biennio 2003-2004. La notizia sconvolge il mondo della MotoGp che nel prossimo week-end vivrà il secondo appuntamento stagionale in Argentina. Un fulmine a ciel sereno che rischia di destabilizzare l’intero ambiente delle due ruote che avrebbe fatto volentieri a meno di questa nuova bufera. Adesso Carmelo Ezpeleta torna nell’occhio del ciclone, il carcere è lo spettro da evitare, la verità è l’appiglio a cui aggrapparsi: il tempo stringe, è arrivata l’ora di fare definitivamente chiarezza.