Domenica 4 Dicembre

Tennis, ecco l’Andy Murray imprenditore: il suo business? Il gelato!

Andy Murray si dà all’imprenditoria: l’ultimo investimento del tennista riguarderebbe la compagnia di gelati Oppo

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Lo sappiamo: la carriera agonistica di uno sportivo può durare nel migliore dei casi un ventennio circa. Le differenze si hanno a seconda dello sport e della predisposizione fisica e qualitativa dell’atleta. Sorge dunque il problema di come continuare la propria “carriera lavorativa”, una volta appesa al chiodo la divisa. Molto spesso la grande quantità di soldi guadagnata, viene reinvestita in altri settori, per aumentare il guadagno, al di la del proprio cachet sportivo. L’atleta si trasforma quindi in imprenditore. Lo stesso “problema”riguarda Andy Murray, attuale numero 2 del ranking Atp. Secondo quanto riporta il The Sun, il tennista scozzese sta accrescendo il proprio business anche fuori dal campo da tennis, prova ne è il fatto che avrebbe investito ingenti somme di denaro in 5 compagnie britanniche attraverso la società “Seedrs”.

andy murrayL’ultima idea di Murray riguarderebbe la compagnia Oppo, che propone gelati a basso contenuto calorico e “senza sensi di colpa”. Tra le aziende che farebbero gola al britannico ci sarebbero anche: la CommuterClub ( che vende biglietti per le ferrovie), Landbay (una società di prestiti), We Are Colony (una piattaforma streaming) e Readbug (società che si autodefinisce Netflix per riviste). Murray è molto orgoglioso di questi finanziamenti e della possibilità di aiutare gli imprenditori britannici: “dare riconoscimento e sostegno agli imprenditori britannici è importante per me, soprattutto a quelli che sono la forza trainante di un mercato in crescita”. Il tennista ha rilasciato recentemente un’intervista anche sul suo futuro sportivo: “se tutto va bene, vorrei giocare in Coppa Davis, poi fare una piccola pausa e giocare Toronto e le Olimpiadi, e potenzialmente non giocare a Cincinnati. Mi sono sempre divertito a rappresentare il mio Paese. A livello di statistiche ho giocato di gran lunga il mio miglior tennis quando ho giocato per la Gran Bretagna“.