Domenica 11 Dicembre

Roma, poker con vista sull’Europa: Fiorentina schiantata all’Olimpico

Foto Alfredo Falcone - LaPresse

Doppietta Salah, El Shaarawy e Perotti stendono una Fiorentina stanca alla quale serve a poco il rigore di Ilicic

Foto Alfredo Falcone - LaPresse

Foto Alfredo Falcone – LaPresse

Stadio Olimpico, friday night di Serie A, in campo Roma e Fiorentina per un match che promette scintille. La formazione capitolina, dall’arrivo di Spalletti, conta 6 vittorie in 6 gare, 18 gol fatti e 4 subiti. La Fiorentina, tralasciando la cocente eliminazione dall’Europa League, resta in scia proprio della Roma nella lotta al 3° posto valevole per la Champions, totalizzando 11 punti nelle ultime 5 partite. Spalletti opta per il 4-2-3-1, con Szczesny in porta, Rudiger-Manolas coppia centrale con ai lati Digne e Florenzi. Il terzetto di centrocampo è composto da Naingollan, Keita e Pjanic a supporto dell’attacco leggerro formato da El Shaarawy, Perotti e Salah. Sousa schiera la Fiorentina con un 4-2-3-1 soggetto a trasformazioni in corso d’opera, confermando Tatarusanu in porta, e il blocco difensivo formato da Roncaglia, Rodriguez, Astori e Alonso che hanno passato brillantemente l’esame Higuain. Vecino e Costa schermano la difesa, Borja Valero centrale, a fare da volano fra centrocampo e attacco. Davanti: Ilicic – Bernardeschi sulle corsie laterali e Kalinic unica punta.

 

Foto Alfredo Falcone - LaPresse

Foto Alfredo Falcone – LaPresse

Inizia il match e il primo spunto è per la Viola: 3’ minuto, punizione, trovato solo kalinic che ci prova di testa in tuffo, grande risposta di Szczesny ma l’arbitro fischia, è fuorigioco. 12’ Ilicic pescato in profondità, rientra sul mancino, tiro a giro alto di un soffio. Controllato il forcing della Fiorentina, al 21’ la sblocca la Roma: filtrante di Pjanic che pesca Salah leggermente in fuorigioco, l’egiziano mette dentro e El Shaarawy appoggia facilmente in rete. 24′ raddoppia la Roma: uno due che porta al tiro Salah, conclusione deviata e pallone che scavalca beffardamente il portiere della Fiorentina. Gol dell’ex, amara sentenza e 2-0. La Fiorentina è completamente in bambola: 26′, retropassaggio corto di Astori, ruba palla Perotti, diagonale che supera Tatarusanu e solo il palo nega la gioia del gol all’esterno argentino. Piove sul bagnato per la squadra di Sousa: escono per infortunio Valero e Vecino, al loro posto Tello e Badelj. 38′ si invola El Shaarawy sulla sinistra, mette al centro d’esterno e Perotti la spinge in rete, gol fotocopia del primo, con il Faraone in versione assistman. Primo minuto di recupero Tello fa secco Digne che lo stende, rigore Fiorentina nel finale: Ilicic trasforma dal dischetto. Finisce il primo tempo con il gol della Fiorentina che potrebbe riaprire la gara.

Foto Alfredo Falcone - LaPresse

Foto Alfredo Falcone – LaPresse

Le speranze però Viola durano poco: 57′ Salah pescato in posizione regolare con un lancio lungo, per via di un cattivo posizionamento di Roncaglia che tiene in gioco l’egiziano, entra in area ed è freddissimo a metterla dentro sotto le gambe di Tatarusanu. 4-1 risultato rotondo per la Roma. 67′ la Fiorentina reclama un rigore, per un intervento scomposto di Naingollan su Badelj, l’arbitro lascia correre. Boato all’Olimpico, tutti in piedi, non per un gol: entra il figlio di Roma, Francesco Totti. Controlla il match la Roma, sotto gli applausi meritati, di uno stadio che fin troppo spesso riserva un trattamento ostile a una squadra volenterosa. C’è tempo per una magia di Totti su punizione che scalfisce il palo a Tatarusanu battuto. Finisce 4-1, la Roma stravince e convince. Il Real Madrid è avvisato.