Venerdi 9 Dicembre

Pirlo, attacco alla Serie A: “a volte restavamo chiusi fino a notte negli spogliatoi per sicurezza, in MLS invece…”

LaPresse/Fabio Ferrari

Andrea Pirlo sferra un attacco al nostro calcio: “in America si può andare tranquillamente a cena nei ristoranti, in Italia restavamo chiusi negli spogliatoi per sicurezza”

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Una realtà per il presente e, chissà, anche per il futuro. Andrea Pirlo in America si trova bene, sia in campo che fuori dal rettangolo di gioco. Una condizione di benessere che potrebbe convincerlo a proseguire nella sua avventura a stelle e strisce: “Ho sempre voluto venire a giocare in America, ma non pensavo che sarebbe successo così presto – ha dichiarato Andrea Pirlo nel corso di un’intervista al New York Timesqui posso andare a cena nei ristoranti più alla moda, mentre in Italia non potevo farlo. Non escludo l’idea di restare qui, potrebbe essere una cosa interessante”. L’ex centrocampista di Inter, Milan e Juventus sferra poi un attacco alla nostra Serie A: “Ci sono state delle volte in cui siamo stati costretti a rimanere in spogliatoio fino a tarda notte perché non era sicuro tornare a casa. Potevano attaccare il nostro bus, tagliarci le ruote e così via”. Tensioni a cui Pirlo sembra fare molto volentieri a meno. Così come alle chiamate (Inter ma non solo) con prefisso italiano…