Sabato 10 Dicembre

Nba: lutto in casa Oklahoma, è morto Aubrey McClendon

L’impatto ad alta velocità contro un muro ha stroncato il 56enne che deteneva il 20% delle quote dei Thunder

Gli Oklahoma City Thunder piangono la scomparsa di uno dei suoi proprietari, Aubrey McClendon, morto oggi in un incidente stradale. Le cause dell’incidente sono ancora tutte da accertare ma, secondo la polizia, il 56enne si sarebbe schiantato a velocità sostenuta contro un muro dopo aver perso il controllo della sua automobile. McClendon possedeva il 20% della franchigia di Oklahoma e, qualche giorno fa, aveva ricevuto la notifica di un’accusa di corruzione riguardante l’assegnazione di una concessione petrolifera e di gas. Il boss dei Thunder faceva parte del consorzio che aveva acquistato i Seattle Supersonics nel 2007, partecipando poi al loro trasferimento a Oklahoma. Una notizia che sconvolge l’ambiente e tutta la società che, con molta probabilità, chiederà di giocare con il lutto al braccio il prossimo impegno in Nba.