Domenica 11 Dicembre

MotoGp – svelata la nuova Aprilia, Bradl e Bautista entusiasti: “non ci annoieremo”

La casa di Noale ha presentato a Losail la nuova moto, un prototipo completamente diverso da quello dello scorso anno

Su il sipario sulla nuova Aprilia, presentata strategicamente a Losail dove si svolgerà l’ouverture della nuova stagione di MotoGp con il Gran Premio in programma il prossimo 20 marzo. Svelata la nuova RS-GP, un prototipo completamente diverso da quello della scorsa stagione, nato dalla volontà della casa di Noale di sfruttare le conoscenze acquisite durante l’anno passato per mettere a punto una moto completamente nuova e, si spera, molto più efficiente.

aprilia1 Si tratta, in definitiva, del primo vero modello di MotoGp costruita dall’Aprilia, che ha fatto affidamento sulle indicazioni dei propri piloti, Bautista e Bradl, per mettere a loro disposizione una moto competitiva. “La prossima stagione sarà molto importante – confida Romano Albesiano, manager dell’Aprilia Racingla nuova moto rispecchia la recente tradizione dell’Aprilia ed è il progetto più ambizioso che il nostro reparto corse abbia mai intrapreso. Le prime risposte dai test sono state positive, soprattutto sulla dinamica. In ogni caso questo è l’inizio di un lungo percorso e siamo consapevoli delle inevitabili difficoltà che questo comporta. Possiamo contare sul contributo di un team di esperti e due piloti molto motivati che hanno capito subito l’importanza del nostro piano. Credo che dopo la fase iniziale di messa a punto potremo puntare a risultati rispettabili“.

alvaro_bautistaSoddisfatti della nuova moto anche i due piloti Alvaro Bautista e Stefan Bradl che, in questa stagione, puntano a migliorare i risultati della scorsa stagione. “Non partiamo da zero – sottolinea Bautistaci affideremo all’esperienza del 2015, ma dovremo sviluppare una moto completamente nuova. Credo che l’Aprilia abbia idee molto chiare su quello che può aspettarsi in questa stagione, in ogni caso sarà una grande sfida. Sarebbe bello essere competitivi già a metà stagione, ma è difficile prevedere ora cosa succederà. Sono carico e punto a una buona stagione, ce la possiamo fare. Sulla stessa lunghezza d’onda si pone anche il compagno di squadra Bradl: “il primo contatto con la moto è stato molto buono, anche se è presto per capire dove siamo. Il nostro compitò sarà esplorare le potenzialità della RS-GP giro dopo giro. Abbiamo ampi margini di miglioramento e di certo non ci annoieremo“.