Sabato 3 Dicembre

MotoGp, la Yamaha cede al volere di Lorenzo: “decida quando ritenga opportuno”

LaPresse/Xinhua

Yamaha disposta a tutto! Il team di Iwata concede più tempo del previsto a Jorge Lorenzo per prendere la sua decisione sul rinnovo

La stagione 2016 di Moto Gp è iniziata lo scorso fine settimana. I piloti sono scesi in pista per il primo Gran Premio della stagione, andato di scena sul circuito di Losail, in Qatar, dove a trionfare è stato ancora una volta Jorge Lorenzo, seguito da Andrea Dovizioso e Andrea Iannone. Anche se il campionato 2016 è appena iniziato, già si pensa alla prossima stagione. Tanti sono infatti i piloti in scadenza di contratto che devono decidere, in base alle offerte ricevute, per quale team gareggiare l’anno prossimo.

LaPresse/XinHua

LaPresse/XinHua

Nonostante Valentino Rossi abbia più volte dichiarato di  voler aspettare di correre 4 -5 gare prima di decidere se correre ancora, alla vigilia del Gp del Qatar è arrivata l’ufficialità del suo rinnovo col team di Iwata. Incerto invece ancora il futuro di Lorenzo: il campione del mondo in carica ha attualmente sul tavolo solo l’offerta del suo attuale team, ma sta prendendo in considerazione anche di passare in Ducati, che lo corteggia da tempo ma non ha ancora fatto la sua offerta. L’offerta della Yamaha, come tutte le offerte, ha una scadenza, però pare che il Managing Director del team di Iwata abbia concesso al maiorchino del tempo in più, nel caso in cui ne avesse bisogno. A svelarlo è stato il manager di Lorenzo: “l’offerta della Yamaha ha una deadline, come ogni altra a questo livello. Ma abbiamo un ampio margine, fino alla gara di Jerez o anche di Le Mans. Inoltre Jarvis ha messo in chiaro che se Jorge avesse bisogno di più tempo per pensare, lo avrà“, ha spiegato Albert Valera.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Ora sembra che rinnovare sarebbe stata la cosa normale e che non averlo fatto prima dell’inizio della stagione è anormale, ma questo è lontano dalla realtà. I piloti Honda e quelli della Ducati hanno offerte per rinnovare o da altre squadre, ma la cosa normale è iniziare a parlarne dopo cinque o sei gare, non firmare prima dell’inizio della stagione“, ha aggiunto, alludendo forse un po’ al rinnovo di Valentino Rossi(?).