Martedi 6 Dicembre

Moto Gp, Marc Marquez: “non sono arrabbiato”

LaPresse/Reuters

Marc Marquez commenta la prima giornata di prove libere in Qatar, non del tutto soddisfatto dei risultati ottenuti

E’ andata di scena ieri, in Qatar, la prima sessione di prove libere della stagione 2016 di Moto Gp. A confermarsi in ottima forma e più veloce è stato Jorge Lorenzo, seguito dal suo compagno di squadra Valentino Rossi. Bene anche le Ducati, non malissimo infine le Honda, migliorate rispetto ai test invernali, ma sempre indietro rispetto agli altri top riders. Non è infatti soddisfatto dei risultati ottenuti in pista lo spagnolo Marc Marquez, che però sembra fiducioso per il futuro.

marquez pedrosaSono entrato in pista e non sono riuscito a fare due giri uguali. Il problema è che il motore non è costante. Un giro arrivi in staccata e il freno motore si comporta bene e poi anche l’accelerazione è buona. Poi, in quello successivo, la situazione è completamente diversa. Quindi ho deciso di fermarmi per vedere se si poteva risolvere la situazione, ma non ci siamo riusciti. L’unica cosa positiva è che abbiamo visto da dove viene il problema“, ha raccontato il 23enne di Cervera come riportato su Motorsport.com.

marquez pedrosaNon siamo arrivati alla prima gara come avrei voluto, perché non siamo al 100%. Però ora siamo alla prima gara dell’anno ed è meglio aver avuto dei problemi nella prima sessione, piuttosto che più avanti. In ogni caso, non siamo nelle condizioni dell’anno scorso, quando pensavamo che fosse tutto perfetto“, ha aggiunto Marquez. “Non sono arrabbiato, ma appena sono entrato in pista ho avuto dei problemi, quindi mi sono dovuto fermare per capire cosa era successo. La squadra ha capito dov’era il problema ed abbiamo fatto una piccola modifica, che però non ha avuto effetto“, ha spiegato ancora lo spagnolo. “Sicuramente nel nostro box abbiamo tanto da lavorare sull’elettronica, pensando bene alle modifiche che facciamo, perché sembra che ne possa bastare una piccola per cambiare le cose radicalmente o quasi per niente. Quindi dobbiamo essere molto cauti a lavorare su questo fronte“, ha concluso Marquez.