Sabato 3 Dicembre

Moto Gp, Marc Marquez e l’incrocio di sguardi con Valentino Rossi

LaPresse/EFE

Marc Marquez tra test invernali, rapporti con i colleghi e quell’incrocio di sguardi con Valentino Rossi

La stagione 2016 di Moto Gp si avvicina sempre più. I piloti sono saliti in sella alle loro moto la scorsa settimana per l’ultima sessione di test in vista dell’esordio stagionale previsto per il 20 marzo in Qatar. Ottime le prestazioni di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi, con un sorprendente Maverick Vinales. Non sono andate benissimo invece le Honda di Dani Pedrosa e Marc Marquez, che però sembra essersi ripreso nell’ultimo giorno di test.

marquez pedrosaIl giovane pilota di Cervera ha lavorato ancora sulla sua moto al Centro tecnologico della Repsol a Móstoles (Madrid) per arrivare in Qatar più pronto che mai. Marquez si reputa comunque soddisfatto del lavoro svolto in Qatar: “il primo giorno è andato molto male. Il secondo, male. Ma il terzo giorno bene. Non siamo ancora eccezionali, ma a un buon livello”, ha dichiarato lo spagnolo a Marca.com. Ance se sono passati dei mesi ormai è impossibile dimenticare quanto accaduto lo scorso anno nel finale di stagione di Moto Gp e, in tanti hanno notato un incrocio di sguardi in pista, durante i test di Phillip Island, tra Rossi e Marquez.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Cos’ha provato lo spagnolo in quel momento? “Sinceramente, niente. Quello australiano è un circuito veloce. Non ho provato nulla. Alla fine, sono consapevole che ci aspettano gare combattute, ma questo è un buon segno, no? Sia con lui, con Jorge [Lorenzo] o con Dani [Pedrosa], alla fine l’obiettivo è quello di vincere e tutti noi lo vogliamo allo stesso modo, dunque siamo costretti ad affrontarci“, ha risposto Marquez. Il pilota Honda non ha intenzione di cambiare il suo modo di gareggiare, il suo approccio alla gara: “in un anno, il secondo in MotoGP, non ho ricevuto alcun punto di penalità. Chiaramente, ci sono sempre dei comportamenti al limite. Sono consapevole che negli ultimi giri andiamo tutti al limite.Alla fine, però, la voglia di vincere fa parte del nostro Dna. cerchiamo sempre di dare il cento per cento” ha concluso Marquez.