Lunedi 5 Dicembre

Moto Gp, Guido Meda su Rossi-Marquez-Lorenzo: “nessuno di loro dimentica”

LaPresse/Piero Cruciatti

Le sensazioni di Guido Meda dopo i primi test invernali, a pochi giorni dall’esordio stagionale

La stagione 2016 di Moto Gp sta per iniziare. I piloti dopo le due sessioni di test a Sepang e Philipp Island torneranno in pista domani, in Qatar, per gli ultimi test prima dell’esordio stagionale previsto per il 20 marzo. Le polemiche dello scorso anno sembrano essere, per il momento, accantonate, anche se nessuno dei piloti protagonisti della “lite” dell’epilogo del Mondiale 2015, di certo si sono dimenticati quanto accaduto. Fan, appassionati, giornalisti e commentatori nemmeno hanno dimenticato ciò che è successo tra Valentino Rossi, Marc Marquez e Jorge Lorenzo, ma tutti speriamo che lo spettacolo, quest’anno, sia esclusivamente in pista.

LaPresse/EFE/Andreu Dalmau

LaPresse/EFE/Andreu Dalmau

Intervenuto nella trasmissione radiofonica Tutti Convocati, in onda su Radio24, il noto commentatori di Sky, Guido Meda, ha detto la sua sulla stagione che sta per iniziare: “il fuoco è puntato su Valentino Rossi. La sensazione dei test dell’inverno è quella di un pilota in perfetta integrità fisica a dispetto dei suoi 37 anni, che sono un po’ di più rispetto a quelli degli avversari. Con le ruggini del campionato dello scorso anno che si spera rimangano una questione intima tra loro, ma che inevitabilmente possono condizionare un po’”. Impossibile poi non parlare dell’astio tra i piloti protagonisti del Motomondiale: “nessuno di loro dimentica quanto successo. Però sono grandi e dei professionisti, sanno che non conviene correre in quella maniera scombinata con cui hanno corso le ultime gare. Valentino è convinto di aver subito torto e che il suo decimo titolo mondiale sia sfumato per quello. Un po’ lo capisco, è difficile mandarla giù. Però la tanta esperienza che ha alle spalle può far sì che affronti questo Mondiale con l’intenzione di non riproporre il teatro delle ultime tre gare del 2015, che è stato un po’ pietoso”, ha concluso Guido Meda. Come andranno le cose in pista? E ai box?