Giovedi 8 Dicembre

Moto GP: duello Rossi-Lorenzo nel 2016? Jarvis confida nei suoi piloti

LaPresse/REUTERS

Lin Jarvis non ha dubbi: si fida dei suoi piloti. Nel 2016 non si ripeterà quanto accaduto nel 2015

La stagione 2016 di Moto Gp sta per iniziare. I piloti sono saliti in sella alle loro moto per le tre sessioni di test invernali e adesso si preparano psicologicamente, ma anche fisicamente, per il primo Gran Premio dell’anno, in programma per il 20 marzo in Qatar.

LaPresse/EFE/Andreu Dalmau

LaPresse/EFE/Andreu Dalmau

Nonostante siano passati ormai tanti mesi, tutti ricordano bene quanto accaduto lo scorso anno: il duello RossiLorenzoMarquez ha fatto il giro del mondo e sarà difficile dimenticarlo. C’è chi però spera che, quest’anno in pista si penserà solo a correre, e a dare il meglio, senza ostacolare il proprio compagno di squadra. Stiamo parlando di Lin Jarvis, director managing Yamaha che confida nei suoi piloti, Jorge Lorenzo e Valentino Rossi: “mi fido di Jorge e Valentino completamente, li conosco e so che troveranno una soluzione. Per Marc non posso parlare, perché io in realtà non lo so, ma credo che sono tutti professionisti e hanno imparato dai loro errori. Spero davvero che non vediamo alcun replay della fine della scorsa stagione. Da parte nostra, credo nei nostri piloti”, ha dichiarato a speedweek.com.

jarvisAbbiamo analizzato in dettaglio quello che è successo alla fine dell’anno scorso. Così abbiamo visto quello che si sarebbe potuto fare in modo diverso. Niente è perfetto, ma il nostro show è piuttosto buono. A Sepang tutto è andato come non ci aspettavamo. Ci aspettavamo che la controversia sarebbe scoppiata tra i nostri due piloti, ma l’escalation è venuta da fuori squadra e con qualcuno che non ha combattuto per il titolo mondiale. Qualcosa del genere è molto difficile da controllare perché non è accaduto tra i nostri ragazzi. Chiediamo che il rispetto reciproco sia mantenuto. Si può essere in disaccordo, ma è importante che si abbia rispetto per l’altro”, ha concluso Jarvis. Come si comporteranno quindi i piloti in quella che si prospetta una delle più appassionanti stagioni di Moto Gp? Ne vedremo delle belle?