Sabato 3 Dicembre

L’Italrugby verso l’Irlanda: il punto di Troiani e De Carli

Si avvicina il nuovo appuntamento dell’RBS Sei Nazioni: l’Italia è tornata ieri a lavoro per preparare al meglio il match contro l’Irlanda

Gli azzurri del rugby si sono ritrovati al “Giulio Onesti” di Roma dopo la settimana di stop che ha fatto seguito a Italia-Scozia dello scorso 27 febbraio. La Nazionale Italiana si è radunata nella serata di domenica nella Capitale per preparare gli ultimi due impegni del torneo in calendario il 12 marzo contro l’Irlanda a Dublino e il 19 marzo contro il Galles, a Cardiff.

Atleti e staff nella Nazionale italianaLuigi Troiani, team manager della Nazionale, incontrando la stampa nella sua tradizionale conferenza di inizio raduno, ha fatto il punto sulla condizione fisica di alcuni degli atleti: “Jacopo Sarto ha avuto un problema all’occhio una decina di giorni fa che ancora gli crea qualche problema, ed oggi ha svolto allenamento differenziato. Da domani si allenerà con il gruppo”. “Da valutare – ha detto Troiani – sono in particolare Gori e Ghiraldini: il primo ha accusato una piccola frattura costale contro la Scozia, mentre per Ghiraldini stiamo valutando le evoluzioni di un trauma alla spalla destra, in particolare nella zona del muscolo trapezio. Attenderemo domani per valutare entrambi i giocatori. Oliviero Fabiani ed Alberto Lucchese sono stati invitati proprio per far fronte a queste situazioni”.

L'Aquila, raduno della Nazionale Italiana,  profili di giocatori e staffSappiamo cosa non ha funzionato nelle mischie dell’ultimo match – ha esordito Giampiero De Carli, tecnico degli avanti dell’Italia – e lavoreremo per migliorare in vista delle ultime due partite.  Contro la Scozia abbiamo fatto buone cose, avremmo potuto vincere la partita. Siamo sulla strada giusta, ma dobbiamo eliminare degli errori importanti che hanno portato ad un risultato non positivo per noi. Rispetto a qualche mese fa riusciamo a fare molte più fasi in attacco, sintomo che il lavoro fatto è buono. Dobbiamo essere più cinici e avere una cattiveria agonistica maggiore in alcune situazioni. La Scozia è riuscita ad andare in meta tre volte su altrettante azioni e abbiamo il dovere di migliorare anche noi in attacco”.

Uno degli obiettivi che ci eravamo posti per questo Torneo – ha concluso De Carli – era quello di aumentare la competizione interna al gruppo per alzare il livello generale e, in questo senso, penso siano stati raggiunti degli obiettivi”.  Nel pomeriggio, dopo una seduta mattutina in palestra, la Nazionale ha svolto il primo allenamento collettivo sul campo numero uno del “Giulio Onesti”, dove Parisse e compagni lavoreranno sino a mercoledì per poi volare in Irlanda giovedì mattina in vista del match dell’Aviva Stadium.