Sabato 3 Dicembre

From Rome to Barça, andata senza ritorno: Luis Enrique e quei giudizi troppo affrettati

LaPresse/EFE

Il Barcellona pensa al rinnovo del contratto per Luis Enrique, allenatore che una volta venne giudicato non all’altezza di guidare la Roma di Totti

Il Barcellona, mica un team qualunque, blinda il suo prezioso allenatore, Luis Enrique. Intervistato da Mundo Deportivo, Jordi Mestre, vice presidente dei catalani, ha annunciato l’intenzione del club di offrire un meritato rinnovo al suo allenatore, che l’anno scorso ha regalato al club la quinta Champions della sua storia. Il contratto di Enrique scade nel giugno 2017.

EFE

Lapresse/EFE

Ma c’è l’intenzione di allungare l’accordo e continuare il matrimonio. La conferma di Luis Enrique non è mai stata messa in discussione, dice il vice-presidente. Per il rinnovo è solo questione di tempo. Certo, viene da pensare a quando l’allenatore che oggi siede sulla panca del Barca, allenando il trio più famoso del mondo (Neymar, Suarez, Messi), non veniva giudicato all’altezza di allenare la Roma di Totti. Certo, viene da pensare al percorso che ha fatto Luis Enrique e quello che ha fatto la Roma, nello stesso periodo di tempo successivo al loro divorzio. Certo, viene da pensare alle vittorie del Barcellona e alle non-vittorie della Roma di Garcia. Certo, viene da pensare a chi disse a Luis Enrique che non era “allenatore da Roma”. In fondo, chi disse questa cosa, aveva ragione. Luis Enrique non era allenatore da Roma, è allenatore da Barcellona!