Sabato 10 Dicembre

Fiorentina, l’allarme di Sousa: “non eravamo noi stessi. Obiettivi? Serve realismo”

LaPresse/Jennifer Lorenzini

La sconfitta con la Roma ridimensiona le ambizioni di terzo posto per la Fiorentina: ecco l’analisi di Paulo Sousa

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Una sconfitta che pesa, nelle dimensioni che per la classifica. La Fiorentina esce ridimensionata dalla sfida dell’Olimpico contro la Roma, quasi uno spareggio per il terzo posto, stordita dalla prestazione della formazione di Spalletti. Ad analizzare la brutta prova Viola ci pensa Paulo Sousa ai microfoni di Sky Sport: “La Roma ci ha messo in grossa difficoltà, sia sul piano del gioco che su quello, soprattutto, della velocità. Dopo il primo e il secondo gol siamo calati mentalmente e non siamo più stati noi stessi. Merito alla squadra di Spalletti che ha fatto una partita davvero importante. Stasera è successo un po’ di tutto, spero che tutte le difficoltà si siano esaurite con oggi. Obiettivi futuri? Dovremo continuare ad avere la stessa ambizione e lo stesso coraggio, ma essere realisti. Noi dobbiamo pensare a giocare un buon calcio e vincere, come proveremo a fare dalla prossima sfida”. Nella quale la Fiorentina dovrà subito dimostrare nuova brillantezza per scacciare i fantasmi di crisi che aleggiano su Firenze.