Sabato 10 Dicembre

F1, Lauda teme la Ferrari: “non ho paura, ma penso che sarà una minaccia per noi”

LaPresse

Niki Lauda si mostra soddisfatto del livello raggiunto dalla Mercedes ma mette in guardia tutti sul potenziale della Ferrari

Seconda giornata di test che prosegue, così come il duello tra Mercedes e Ferrari, scuderie favorite per la corsa al titolo mondiale 2016.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

La Formula 1 aprirà ufficialmente i battenti il 20 marzo a Melbourne, ma già cominciano a prendere forma le monoposto che si sfideranno sul tracciato dell’Albert Park. La Mercedes vola, ma Niki Lauda prova a nascondersi: “per noi molto importante l’affidabilità – commenta il chairman della scuderia tedesca – in questo momento la macchina è perfetta e tutti e due i piloti sono soddisfatti, soprattutto per quanto riguarda la velocità della macchina. Mi sta sorprendendo la Ferrari, oggi Vettel gira con un motore nuovo e i risultati già si stanno vedendo. La scuderia di Maranello è migliorata molto, non ho paura di loro ma penso che possa essere una minaccia per noi. Differenze tra noi e la Ferrari? Non posso sbilanciarmi adesso, valuteremo il tutto dopo la terza gara, e vedremo a che punto siamo noi e a che punto saranno loro“.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Punto forte della Mercedes è l’affidabilità, Lauda lo sottolinea: “siamo arrivati qui senza problemi e questo è un grande successo del nostro settore tecnico. I meccanici hanno fatto un lavoro straordinario, sono orgoglioso di loro“. Infine Lauda esprime le sue considerazioni sul nuovo format delle qualifiche: “la cosa strana di tutta questa storia è che lo Strategy Group ha preso una decisione sull’introduzione delle modifiche già da Melbourne, mentre dopo qualche giorno scopriamo che tutto slitterà per la Spagna. Non mi sembra una cosa normale, un conto è cambiare le regole dall’inizio, un conto è cambiarle durante la stagione. In questo momento è tutto bloccato, ognuno ha una sua idea differente da quella degli altri, spero che tutto si sblocchi entro il Gp di Melbourne“.