Venerdi 2 Dicembre

Ayrton Senna: a te, che hai reso la nostra passione un attimo senza fine [VIDEO]

Avrebbe compiuto 56 anni Ayrton Senna: noi vogliamo ricordarlo così

Adesso che i riflettori si sono spenti, che i paparazzi dei social hanno smesso di nominarti invano, adesso che i motori delle rotative hanno smesso di rombare piombo per pubblicare articoli sulla tua memoria, adesso che, finalmente, c’è silenzio intorno a te, vogliamo ascoltare, insieme, questa canzone, dedicandoti 3 minuscoli minuti della nostra vita. A te, che hai reso la nostra passione un attimo senza fine.
Canta Lucio Dalla.
Il pezzo è di Paolo Montevecchi.

Il mio nome è Ayrton e faccio il pilota
e corro veloce per la mia strada
anche se non è più la stessa strada
anche se non è più la stessa cosa
anche se qui non ci sono piloti
anche se qui non ci sono bandiere
anche se qui non ci sono sigarette e birra
che pagano per continuare
per continuare poi che cosa
per sponsorizzare in realtà che cosa.
E come uomo io ci ho messo degli anni
a capire che la colpa era anche mia
a capire che ero stato un poco anch’io
e ho capito che era tutto finto
ho capito che un vincitore vale quanto un vinto
ho capito che la gente amava me
potevo fare qualcosa
dovevo cambiare qualche cosa.
E ho deciso una notte di maggio
in una terra di sognatori
ho deciso che toccava forse a me
e ho capito che Dio mi aveva dato
il potere di far tornare indietro il mondo
rimbalzando nella curva insieme a me
mi ha detto “chiudi gli occhi e riposa”
e io ho chiuso gli occhi.
Il mio nome è Ayrton e faccio il pilota
e corro veloce per la mia strada
anche se non è più la stessa strada
anche se non è più la stessa cosa
anche se qui non ci sono i piloti
anche se qui non ci sono bandiere
anche se forse non è servito a niente
tanto il circo cambierà città
tu mi hai detto “chiudi gli occhi e riposa”
e io adesso chiudo gli occhi…