Martedi 6 Dicembre

Atletica: Eleonora Giorgi super allo IAAF Race Walking Challenge 2016 di Dudince

Colombo/FIDAL

Eleonora Giorgi da favola allo IAAF Race Walking Challenge 2016 di Dudince

Eleonora Giorgi di nuovo senza rivali a Dudince, terza tappa dello IAAF Race Walking Challenge 2016, il circuito mondiale della marcia. Come un anno fa la primatista italiana assoluta della 20km si cimenta in una gara tutta in prima fila. Sulle strade della città slovacca, dove nella passata edizione aveva stabilito anche il record nazionale, è lei a dettare il passo dall’inizio alla fine andando a vincere in 1h28:05 (passaggi: 22:41/5km – 44:58/10km – 1h06:46/15km). Alle spalle della lombarda delle Fiamme Azzurre si piazza la brasiliana Erica Rocha de Sena (1h28:22), sganciata dall’azzurra negli chilometri conclusivi (ultimo quarto di gara in 21:19), mentre il terzo posto è per la portoghese Ana Cabecinha (1h29:11). In quinta posizione, alle spalle della guatemalteca Mirna Ortiz (1h30:05), il bronzo olimpico Elisa Rigaudo che porta a termine il suo esordio stagionale in 1h30:10. Ad undici secondi dalla piemontese delle Fiamme Gialle è la volta della ceca, bronzo europeo a Zurigo 2014, Anezka Drahotova (1h30:21).

Colombo/FIDAL

Colombo/FIDAL

“Ho fatto come avevo detto – il commento soddisfatto della Giorgi – ovvero marciare senza pensare troppo al tempo. Infatti il cronometro nemmeno me lo sono messa oggi perchè ho preferito seguire le mie sensazioni. Con la brasiliana De Sena (sesta ai Mondiali di Pechino, ndr) è stato un bel confronto, poi nel finale sono riuscita a cambiare ritmo e allungare. Ci tenevo a vincere, anche perchè mi piace un sacco l’atmosfera di questa gara che coinvolge tutta la città. Direi che oggi è stato solo il primo passo di quest’anno così importante focalizzato sull’Olimpiade. Prima di Rio, però, c’è il Mondiale a squadre a Roma: che emozione gareggiare in Italia, non vedo l’ora! Penso che affronterò un’altra uscita sulla 10 o ancora sulla 20km, valuteremo nei prossimi giorni con il mio tecnico Gianni Perricelli”.