Venerdi 9 Dicembre

Atletica-caso Meldonium, Putin furioso: duro attacco ai vertici dello sport russo

REUTERS/Vasily Fedosenko

Durissimo attacco del Presidente della Federazione russa nei confronti dei vertici dello sport caucasico: il Primo ministro Mutko incassa

Lo scandalo Meldonium che ha coinvolto numerosi atleti, per la maggior parte russi, continua a destare scalpore. Ad intervenire, questa volta, è il Presidente della Federazione russa Vladimir Putin che si scaglia contro i massimi dirigenti dello sport russo, accusandoli di non aver fatto ben comprendere agli atleti i metodi di comportamento da utilizzare nel corso delle manifestazioni sportive.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Il nuovo scandalo doping che ha travolto lo sport russo, legato all’uso del meldonium, non ha niente a che fare con la politica e non c’è bisogno di tirare fuori teoremi complottistici” commenta Putin. “Non dobbiamo piangere o lamentarci in ogni occasione né vincere con aiuti irregolari, solo allora non ci saranno problemiOvviamente i nostri dirigenti sportivi dovevano parlarne ma hanno mostrato di non comprendere l’importanza di questi temi in modo tempestivo e non hanno informato in modo adeguato i nostri atleti, allenatori e altri professionisti sulle decisioni della Wada. Dobbiamo sviluppare in modo attivo una collaborazione con le organizzazioni internazionali che lavorano in questo campo, soprattutto Wada e Cio, e seguire le indicazioni e le decisioni ufficiali di queste organizzazioni“. Destinatario degli strali presidenziali è senza dubbio il ministro dello Sport russo, Vitaly Mutko, il quale incassa senza battere ciglio: “accettiamo le critiche, rafforzeremo le nostre misure soprattutto in relazione a chi incoraggia gli atleti a usare sostanze proibite“.