Venerdi 2 Dicembre

Vidal, i fischi cancellano i rimpianti: “Juventus? Era il momento di cambiare”

LaPresse/Spada

Accoglienza inaspettata quella riservata dallo Stadium ad Arturo Vidal: e il centrocampista cileno a fine gara ammette di non essere pentito dell’addio alla Juventus

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Un contorno di fischi a salutare il ritorno in quello che per quattro stagioni è stato il suo stadio, si attendeva sicuramente un’accoglienza diversa dallo Stadium Arturo Vidal. Nei giorni scorsi il centrocampista cileno aveva a più riprese dichiarato il suo amore verso i color bianconeri, ma il pubblico di fede juventina ieri durante la sfida d’andata degli ottavi di finale di Champions League lo ha visto come un avversario. “Rimpianto di aver lasciato Torino? Non è stato facile aver lasciato il club, ma è andata così. Ho passato degli anni bellissimi, ma era giunto il momento di cambiare”, le parole rilasciate da Vidal subito dopo il triplice fischio finale ai microfoni di Mediaset Premium.

Il centrocampista del Bayern Monaco è stato anche protagonista di un episodio che ha fatto infuriare i tifosi della Juventus: un tocco di mano all’interno dell’area di rigore che però l’arbitro ha deciso di non sanzione. “Secondo me il rigore non c’era – ha proseguito nella sua analisi Vidal – Il braccio era troppo vicino al corpo. Per quanto riguarda la partita, mi sono trovato bene dietro, il nuovo ruolo può essere un’idea per il mio futuro”.