Giovedi 8 Dicembre

Trentasette giorni, poi l’esonero: Mido, una pazza carriera anche da allenatore

LaPresse/REUTERS

L’ex attaccante di Ajax e Roma, Mido, esonerato dalla Zamalek trentasette giorni dopo l’esordio in panchina. E per l’egiziano la carriera da allenatore non inizia proprio nel migliore dei modi…

Marco Rosi

Marco Rosi

I trentasette giorni di Mido. L’ultimo capitolo della storia calcistica dell’attaccante egiziano non potrebbe che intitolarsi così. E’ durata tanto l’avventura da allenatore dello Zamalek per l’ex calciatore di Ajax, Tottenham e tra le altre anche Roma. Il club egiziano aveva messo sotto contratto Mido lo scorso tre gennaio, interrompendo ieri il rapporto dopo soli trentasette giorni dopo: fatali le ultime due sconfitte in campionato, nonostante la squadra militi ancora al secondo posto in classifica. Una carriera da allenatore dunque iniziata sulla falsa riga di quella da calciatore, dove Mido ha fatto parlare di se più per vicende extracalcistiche che per quanto mostrato in campo, nonostante il talento non mancasse di certo.

John Walton

John Walton

Amante degli eccessi, ad Amsterdam ricordano ancora le sue folli corse in auto gareggiando contro… Zlatan Ibrahimovic, altro talento dal caratterino tutt’altro che semplice. E proprio una furibonda lite con Ibra gli costò l’allontanamento dall’Ajax. E non sarà l’unica discussione in carriera. Un ‘diverbio’ con il Commissario tecnico dell’Egitto comportò la sua esclusione dalla Nazionale impegnata in Coppa D’Africa, solo uno dei tanti colpi di testa in carriera. Che racconta anche di una sua doppia esperienza nella Roma, senza però aver mai lasciato il segno. Cosa che spera di fare da allenatore, certo però che l’inizio è tutt’altro che incoraggiante.