Domenica 4 Dicembre

“Siamo poco furbi”, Montella sgrida la Sampdoria. E la classifica (e non solo) piange…

LaPresse/Valerio Andreani

Un momento davvero delicato quello che sta attraversando la Sampdoria, tra risultati che non arrivano, mercato (al momento) disastroso e zona retrocessione sempre più vicina

Otto punti in undici partite, una squadra stravolta dal mercato di gennaio, cinque sole lunghezze di vantaggio sulla zona retrocessione. La cura Montella non sembra aver portato i frutti sperati e in casa Sampdoria adesso l’aria è tutt’altro che serena. Il pareggio di ieri sera contro il Torino non ha fatto altro che caricare ancora di più di nubi sopra la Genova blucerchiata: “In linea di massima il pareggio è giusto. La squadra ha disputato una gara di sacrificio, è un peccato perché nei secondi finali abbiamo dimostrato poca furbizia. E’ difficile accettare il gol preso nel finale. Per uscire dalla crisi ci manca la vittoria, oggi servivano i tre punti e questo 2-2 è davvero un peccato”, analizza così, ai microfoni di Rai Sport, la gara contro il Torino Vincenzo Montella. Parole piene di amarezza quelle dell’allenatore della Sampdoria, turbato e deluso dal pareggio di Belotti in pieno recupero. Ma i problemi blucerchiati, purtroppo per Montella (vittima sempre più sacrificale della situazione), vanno ben oltre il risultato di ieri e riguardano principalmente alcune scelte societarie sbagliate, in sede di mercato e non solo. Intanto la classifica piange e con lei anche gran parte del popolo della Sampdoria.