Sabato 10 Dicembre

Mourinho, spallata alla Liga: “Non è competitiva, si giocano solo quattro partite a stagione. In Premier…”

LaPresse/PA

Una spallata netta alla Liga, futuro ancora in Premier League: da José Mourinho altri indizi sulla voglia di United…

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Un calcione al passato, occhiolino strizzato a quello che suo futuro. Ha tanta voglia di tornare presto in panchina, non lo nasconde José Mourinho. Per uno come lui sempre abituato a vivere sotto la luce dei riflettori questi mesi senza allenare saranno sicuramente stati molto duri. Ma l’attesa è destinata ad essere davvero breve, già dal prossimo giugno infatti lo Special One tornerà in sella. Dove? Tutti gli indizi portano diretti alla panchina del Manchester United: “Alcuni anni fa i miei figli erano piccoli e potevo permettermi tanti spostamenti. Ad un certo punto però arriva il momento in cui serve stabilità. Per ora viviamo a Londra, non so dove mi porterà il calcio – dichiara Mourinho nel corso di un’intervista rilasciata a Sky Sport UK – ma il nostro futuro è qua. L’unica cosa di cui sono certo è che tornerò prestissimo perché sono pronto per ripartire”.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

La Premier nel futuro e un ricordo, nemmeno poi così carino, vero la Liga spagnola: “Ho sempre pensato e  detto che c’è bisogno di competitività ogni settimana. In Spagna ero in una squadra fantastica ma c’erano quattro partite all’anno, ovvero quelle contro il Barcellona: le altre le vincevamo quatto o cinque a zero. Era complicato vincere perché si affrontavano due squadre mostruose, ma era semplice vincere il resto delle partite. In Spagna ho perso un campionato con 91 punti, mentre in Inghilterra puoi vincere il campionato anche con 75 punti”.