Sabato 10 Dicembre

Moto Gp, Lorenzo accusa la Yamaha: “preferiscono Valentino”

LaPresse/Reuters

Jorge Lorenzo vuole rimanere con la Yamaha, ma non esita a lanciare frecciatine sulle preferenze del suo team

Dopo quanto accaduto lo scorso anno in Moto Gp tra Rossi, Marquez e Lorenzo, la Ducati ha iniziato a “corteggiare” il campione del mondo in carica per cercare di portarlo in casa della “Rossa”.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Lorenzo però sembra non avere intenzione di cambiare team, perchè come ha detto più volte vorrebbe chiudere la sua carriera con la Yamaha, anche se lo spagnolo sembra forse un po’ troppo ambizioso: “anche nei momenti più difficili ho detto che il mio sogno era di ritirarmi qui. Oltretutto penso che sia possibile diventare il pilota più vincente con questa squadra. Ora è importante che anche loro valutino cosa ho dato io. Dopo il titolo di Valentino nel 2009 sono stato l’unico a vince con Yamaha”, ha dichiarato Lorenzo a Motorsport.com. Il maiorchino poi lancia una “frecciatina” al suo team, “accusandolo” di preferire Valentino Rossi per una questione di apparizione, anche se ciò sembra non preoccuparlo: “non mi sono mai preoccupato del fatto che Rossi fosse più vicino ai media e con più fotografi attorno.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

E credo che sia normale che la Yamaha preferisca che sia lui a vincere a causa della sua popolarità, perché così venderebbe più moto. A me interessa solo avere lo stesso materiale perché credo nelle mie abilità e so che con queste regole farei bene. Finora sono sempre stato supportato al massimo. Ora è importante che valutino cosa ho dato io. Dopo il titolo di Valentino nel 2009 sono stato l’unico a vincere con loro…”. Lorenzo infine riconosce comunque la grandezza e il talento del suo compagno di squadra: “sembra impossibile che Valentino possa essere in grado di correre a questi livelli alla sua età . Se dovesse continuare così potrebbe rinnovare per un altro paio di stagioni. Credo che Valentino sia un valore aggiunto per il marchio, in pista e fuori”, conclude Lorenzo.