Sabato 10 Dicembre

Milan, Mihajlovic raggiante: “è la vittoria più bella della mia carriera”

LaPresse/Spada

Un derby straordinario vinto grazie alla cura dei dettagli, Mihajlovic si prende i meriti del successo ed esalta i suoi ragazzi

Una vittoria che fa morale, un derby che rilancia le ambizioni di un Milan che sembra aver ritrovato la via giusta da percorrere per raggiungere l’obiettivo terzo posto.

Lapresse/Spada

Lapresse/Spada

Sinisa Mihajlovic è raggiante dopo il 3-0 rifilato all’Inter, un successo che lo ripaga dopo le tante critiche ricevute nelle ultime settimane: “per me è la gioia più grande da quando alleno” confida l’allenatore serbo ai microfoni di Sky Sport. “I vincitori rimangono sempre nella storia. Sono contento anche per il nostro presidente perché è il nostro primo tifoso. Sarà un girone di ritorno pieno di rivincite. Roberto ha più scelta nella rosa, per me è più difficile scegliere così tanto. Comunque credo che quando le cose vanno bene bisogni cambiare il meno possibile. Io quando decido di giocare in un modo e sono convinto della scelta non cambio. Riguardo la partita diciamo che abbiamo vinto noi perché abbiamo sfruttato le occasioni, siamo stati coraggiosi e cinici, pensando sempre a giocare a pallone.

Lapresse/Spada

Lapresse/Spada

Sapevamo che più tempo sarebbe passato più loro avrebbero sofferto e sarebbero stati nervosi. Sapevamo che loro erano una squadra fisica e quindi è stato importante vincere i duelli in mezzo al campo” ha continuato Mihajlovic. “Montolivo fa un gran lavoro, recupera tanti palloni e ci dà tanto equilibrio e qualità nel gioco. Kucka è un carrarmato che offre qualità e quantità a servizio della squadra. Comunque tutti hanno fatto bene sennò non avremmo vinto così nettamente. Sono stato sempre sereno – ha concluso Mihajlovic – perché avevo la coscienza pulita e sapevo di aver dato sempre il massimo“.