Martedi 6 Dicembre

Messi, il rigore della discordia. Lippi lo difende: “vogliono provare nuove emozioni”

LaPresse/EFE

L’ex Commissario Tecnico della Nazionale azzurra Marcello Lippi prende le difese di Leo Messi al centro delle critiche dopo il calcio di rigore tattico

 LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Un rigore entrato di diritto nella storia, la scelta di servire un assist a Suarez anziché tirare direttamente in porta di Leo Messi ha fatto il giro del mondo. Un ‘rigore tattico’ che ha visto protagonista il campione argentino del Barcellona che in Italia ha sollevato qualche polemica: in molti, infatti, hanno visto nella scelta una mancanza di rispetto verso gli avversari, visto anche il largo punteggio già a favore dei blaugrana. A schierarsi dalla parte di Messi è però l’ex Commissario Tecnico della Nazionale Marcello Lippi, che ha commentato così la vicenda ai microfoni di Rai Radio 2: “Il rigore di seconda tirato ieri da Messi per far segnare Suarez? Non credo proprio ci sia nessuna mancanza di rispetto. Messi, Neymar e Suarez ormai lavorano su un altro livello psicologicamente, si vede che si divertono e vogliono provare nuove emozioni”. Un trio troppo ‘avanti’ anche rispetto alle critiche, parola di Marcello Lippi.