Venerdi 9 Dicembre

Juventus, Allegri non si fida del Genoa: “le squadre di Gasperini sono sempre pericolose”

LaPresse/Daniele Badolato

L’allenatore della Juventus mette in guardia i suoi giocatori per la sfida contro il Genoa, fondamentale per non perdere terreno dal Napoli

La grande prestazione di Verona, contro il Chievo, è già alle spalle, la Juventus pensa già alla sfida contro il Genoa per rimanere in scia del Napoli e puntare al record di 13 vittorie consecutive.

LaPresse/Valerio Andreani

LaPresse/Valerio Andreani

Il Genoa ha ottime individualità, come Pavoletti, che sta crescendo molto” confida Allegri in conferenza stampa. “Giocare contro le squadre di Gasperini è sempre molto complicato, perché danno intensità alla partita: dovremo vincere per non perdere terreno nei confronti del Napoli. Il mercato di gennaio? Può colmare alcune lacune, fortunatamente noi abbiamo una rosa importante e siamo riusciti a recuperare i giocatori: dovremo fare un filotto di vittorie e pensare partita dopo partita. La società si è mossa molto bene, prendendo anche tanti giocatori da categorie minori. Abbiamo 5 punti in meno dell’anno scorso, questo la dice lunga sul fatto che il Napoli stia facendo un campionato straordinario.

LaPresse/Fabio Cimaglia

LaPresse/Fabio Cimaglia

L’importante sarà arrivare allo scontro diretto con massimo due punti di ritardo. La Roma? Aveva già un’ottima squadra, El Shaarawy è stato subito decisivo: fino alle ultime 6 giornate le prime 5 saranno tutte in lotta per il campionato. Zaza? Cercherò di girare lui insieme a Morata e Dybala, è a disposizione e potrà essere della partita. Bonucci sta bene, Marchisio non perderà la partita di domani, perché per recuperarne una persa ce ne mette altre due, nonostante Hernanes stia bene. Pereyra? E’ rientrato e sta discretamente bene“. Su Antonio Conte, Allegri sottolinea: “ha fatto 3 anni straordinari, la Juventus veniva da due settimi posti, ci sono meriti suoi e della società. Il confronto lo faccio con me stesso, quest’anno abbiamo una squadra nuova e siamo cresciuti, abbiamo molti margini di miglioramento e mi ha impressionato la crescita mentale di molti giovani. Con il Bayern sarà un match straordinario, dovremo arrivare pronti a giocare questo tipo di partite“.