Lunedi 5 Dicembre

Juve-Napoli, la notte delle stelle si avvicina! Tavecchio: “sarà come Sanremo”

LaPresse/Federico Ferramola

Il presidente della Figc attende con trepidazione il big match di sabato tra Juve e Napoli che eleggerà la prima candidata allo scudetto

Lo Stadio Olimpico di Roma ospita il consueto incontro tra dirigenti, arbitri, allenatori e calciatori di serie A, un’occasione ottima per analizzare i temi del momento con Carlo Tavecchio, numero uno della Figc.

Badolato/Lapresse

Badolato/Lapresse

Sullo sfondo si staglia il big match di questo entusiasmante campionato, sabato sarà Juve-Napoli, una sfida tutta da vivere: “è una bella settimana, l’Italia aspetta Juve-Napoli come Sanremo: vediamo chi la vince questa corsa. Sarà una partita bellissima meravigliosa, abbiamo due grandi tifoserie, due grandi squadre. Non manca niente per raggiungere il massimo della nostra rappresentanza come brand per l’estero“. Sull’arbitro che dirigerà l’incontro ancora nessuna notizia: “se arbitrerà Rizzoli? Non lo so proprio. Mica c’è solo lui, ma anche tanti arbitri validi. Bisognerà scegliere il migliore sotto tutti gli aspetti. Il suo, sarà un compito difficile“.

LaPresse/Valerio Andreani

LaPresse/Valerio Andreani

Per quanto riguarda l’incontro avvenuto oggi, Tavecchio ammette: “il regolamento va approfondito, anche per creare meno questioni o situazioni particolari. C’è stata una notevole presenza delle società, c’erano tutti e c’erano anche tutti gli arbitri: mi auguro lo facciano più volte in un anno, per analizzare queste criticità nelle loro varie forme. E’ interessante che ci sia questo confronto. Anzi, è auspicabile che venga ripetuto. Queste riunioni servono a stemperare delle situazioni che si possono esasperare data la delicatezza del momento del campionato. Però, lo ripeto: la classe arbitrale italiana è all’altezza. Gli arbitri sono i giudici di primo grado, sono attenti, preparati e competenti“.

 LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Infine il presidente della Figc commenta l’assenza di Mancini: “non so se sia in aperta polemica con la classe arbitrale, l’Inter era rappresentata dal proprio capitano Icardi e dal ds Ausilio. Sull’argomento non posso giudicare gli assenti“.