F1, l’orgoglio di Briatore: “ho scoperto io due dei piloti più forti della storia”

LaPresse/Piero Cruciatti

Proprio il manager italiano ha lanciato Michael Schumacher e Fernando Alonso nel mondo della Formula 1, davvero niente male

Gli interventi di Flavio Briatore sul futuro della Formula 1 non sono mai banali, come potrebbero esserlo, del resto, vista tutta l’esperienza accumulata nel circus dall’ex team manager della Renault?

 LaPresse/PA

LaPresse/PA

Durante un’intervista rilasciata a Esquire, Briatore è tornato a criticare la moderna Formula 1, ormai sempre più tecnologica e meno ‘umana’. “La F1 è cambiata, una volta i piloti lottavano come gladiatori, oggi mi sembra più un gioco della Playstation per gli ingegneri. Ci sono troppe regole tecniche che capiscono solo loro. I tifosi vogliono vedere Alonso che lotta con Hamilton, non dei fogli di calcolo”. Proprio Fernando Alonso è uno dei due piloti, insieme a Schumacher, su cui Briatore ha puntato forte: “nessuno sapeva chi fosse Michael, ma io ho avuto un buon presentimento con lui. E poi non avevamo molto denaro e dovevamo per forza puntare su un pilota giovane e inesperto.

LaPresse

LaPresse

Quanto ad Alonso, quando lo ingaggiammo in Spagna la F1 non interessava a nessuno, preferivano le moto. Poi piano piano si innamorarono del nostro sport e, l’anno dopo, al Gran Premio di Spagna la pista si riempì con 80 mila spettatori. Uno vero spettacolo”.

FotoGallery