Sabato 10 Dicembre

F1, Cesare Fiorio non ha dubbi: “ecco chi lotterà per il titolo mondiale”

LaPresse/Photo4

Cesare Fiorio, ex dirigente della Ferrari non ha dubbi: la lotta per il titolo mondiale sarà tra la Mercedes e la “Rossa”

La stagione 2016 di F1 si avvicina sempre più: il 20 marzo, a Melbourne si parte col Gran Premio d’Australia. Intanto però i piloti scenderanno in pista per testare le loro monoposto la prossima settimana a Barcellona. Si prospetta una stagione appassionante, con la Ferrari che “minaccia”, o meglio spera e punta a mettere in difficoltà la Mercedes. Se da una parte c’è chi non si monta la testa e non riesce ad essere completamente ottimista, dall’altra c’è chi è fiducioso e confida nel team e nei piloti della “Rossa”. Tra questi c’è Cesare Fiorio, ex direttore sportivo della scuderia di Maranello: “la lotta per titolo sarà tra Mercedes e Ferrari” ha dichiarato in un’intervista a LaPresse.
LaPresse

LaPresse

Il segreto sulle soluzioni tecniche e anche stilistiche adottate è stato mantenuto con estremo rigore dalla Ferrari. Girano voci che si tratti di una monoposto molto innovativa ma finché non la vediamo è difficile esprimere un giudizio. Detto questo quello che vedremo noi non è quello che determina una macchina vincente o meno. Sotto il vestito della carrozzeria si celano poi tutte quelle migliorie meccaniche, aerodinamiche e di motore che speriamo possano colmare il gap che aveva l’anno scorso“, ha dichiarato Fiorio riguardo la nuova vettura che sarà presentata venerdì. “Le monoposto non vanno giudicate dal punto di vista estetico ma con il cronometro in mano. Pertanto il primo verdetto vero sarà quello del Gran Premio di Melbourne, a marzo, però certamente delle indicazioni preziose le avremo già la prossima settimana dai test che si svolgeranno a Barcellona. Il fatto che la macchina sia bianca, rossa o nera, dal punto di vista sportivo non ha alcuna importanza“, ha aggiunto l’ex direttore sportivo rispondendo a chi si focalizza troppo sull’aspetto estetico delle monoposto.

LaPresse

LaPresse

La prossima settimana i piloti scenderanno in pista a Montmelò per i primi test della stagione: “quando si fanno i test in genere chi sta gestendo la macchina in quel momento conosce esattamente quale potenziale sta esprimendo, è più difficile capirlo dal di fuori. Dieci chili di carburante a bordo in più fanno una differenza di quattro decimi di secondo. Io non so con quanta benzina sta girando magari la Ferrari o la Mercedes o se ha messo le gomme nuove o meno. Questi sono tutti dati che conosce chi in quel momento gestisce la squadra e si fa un’idea approssimativa di dove può essere. Certamente uscire dalle prove di Barcellona con un tempo migliore degli avversari quantomeno è indicativo che si è sulla buona squadra, poi se la macchina sarà vincente o meno questo lo vedremo più avanti”, ha spiegato poi Fiorio.

LaPresse

LaPresse

L’ex dirigente della “Rossa” non ha dubbi, la lotta per il titolo sarà tra Mercedes e Ferrari: “Ferrari e Mercedes sono scappate molto avanti rispetto a tutti gli altri avversari, mi aspetto una battaglia tra di loro. Bisognerà vedere a che livello la Renault svilupperà il suo propulsore e dicendo Renault diciamo anche Red Bull. Sono grandi squadre che hanno alle spalle una tradizione di aerodinamica e di meccanica molto avanzata. Se la Renault metterà insieme un buon motore, cosa che dubito quantomeno in questa prima fase dell’anno, allora ci saranno anche loro sennò la lotta sarà tra Mercedes e Ferrari. La Williams è stata la terza incomoda l’anno scorso ma se ci si aspetta una Ferrari competitiva non credo che la Williams rappresenterà più un grosso problema“.

LaPresse

LaPresse

Quando sei la Ferrari non corri per il secondo posto, né per il terzo, né per le posizioni di rincalzo, a un certo punto la gente si aspetta che un grande team come la Ferrari vinca il campionato. Se riuscissero a vincerlo quest’anno sarebbe un grandissimo risultato, se non dovesse accadere dipende tutto da come lo perdono. Si può perdere il campionato all’ultima gara, per un punto o per qualche sfortuna. I campionati sono fatti da tanti episodi. Se invece dovessero perdere per manifesta superiorità dell’avversario sarebbe una sconfitta pesante”, ha aggiunto Fiorio parlando dell’obiettivo della “Rossa“, ovvero puntare al titolo mondiale.