Martedi 6 Dicembre

Bonucci più Morata, troppa Juventus per una fragile Inter: allo Stadium finisce 2-0 [FOTO]

LaPresse/Daniele Badolato

Primo tempo che si conclude in equilibrio, nella ripresa Bonucci e Morata lanciano la Juventus a più quattro sul Napoli

Emozioni, spettacolo e adrenalina: è il derby d’Italia che non finisce mai di stupire. Juventus contro Inter, Allegri contro Mancini, Dybala contro Icardi, comunque vada ci sarà da divertirsi. Entrambe le squadre si giocano una bella fetta di futuro, i bianconeri per scappare in testa alla classifica e mettere pressione al Napoli, i nerazzurri per non perdere il treno terzo posto che regala l’accesso alla Champions.

Badolato/Lapresse

Badolato/Lapresse

Prima del fischio d’inizio lo spettacolo non è solo in campo, ma anche sulle tribune, con alcune coreografie degne della rilevanza del match. I tifosi juventini puntano l’attenzione sullo scudetto vinto a tavolino dall’Inter dopo lo scandalo di Calciopoli, un titolo definito ‘di cartone’ dall’ambiente bianconero che non perde occasione per ricordarlo nei propri sfottò. In campo le emozioni iniziano dopo pochi minuti, quando l’ex Hernanes si inventa una splendida conclusione dalla distanza che si infrange contro la traversa della porta difesa da Handanovic. L’inerzia è tutta dalla parte della Juventus che nella prima mezz’ora mette a ferro e fuoco la difesa nerazzurra che, seppur con fatica, riesce a resistere.

LaPresse/Marco Alpozzi

LaPresse/Marco Alpozzi

Intorno alla mezz’ora, Allegri perde Chiellini per infortunio e lo sostituisce con Rugani che va a dar manforte a Barzagli e Bonucci. La manovra dell’Inter è lenta e prevedibile, allora la Juventus ne approfitta per rendersi pericolosa dalle parti di Handanovic con Mandzukic, anticipato da Miranda proprio sul punto di battere a rete. Il primo tempo finisce a reti inviolate, ma nella ripresa i bianconeri ci mettono due minuti a passare in vantaggio. Punizione calciata bene da Dybala verso l’area interista, D’Ambrosio sbaglia il disimpegno e serve Bonucci che, tutto solo sul secondo palo, non può sbagliare. L’Inter barcolla e la Juve continua a spingere sfiorando il raddoppio con Dybala che non inquadra lo specchio della porta. I minuti passano e il ritmo cala, i bianconeri gestiscono e i nerazzurri provano a rientrare in partita ma, a cinque minuti dalla fine, la Juve la chiude. Miranda stende Morata in area e Rocchi fischia il penalty che proprio lo spagnolo realizza. Gli ultimi minuti sono una passerella per i bianconeri che dopo il mezzo passo falso di Bologna tornano a correre: adesso tocca al Napoli rispondere.