Sabato 10 Dicembre

Australian Open, Murray orgoglioso nonostante la sconfitta

LaPresse/Reuters

Andy Murray orgoglioso nonostante la sconfitta in finale agli Australian Open. L’unico pensiero adesso è volare dalla moglie e dal figlio che sta per nascere

Andy Murray ha ceduto al serbo Novak Djokovic nella finalissima degli Australian Open, andata di scena ieri a Melbourne. Lo scozzese non è riuscito a fare un ottimo match, perdendo col in soli 3 set. Il primo set è da dimenticare per il numero 2 del mondo che viene sconfitto per 6-1, ma Murray nel secondo e terzo set cambia gioco e inizia a infastidire il suo avversario, ma non basta. “Ho già vissuto questa sensazione…“, ha dichiarato Murray dopo la sconfitta.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Ho cominciato male le ultime due partite. E partire piano contro Novak non è mai una buona ideaAvrei potuto giocare meglio, ma sono comunque orgoglioso di aver lottato e di essere rientrato nel match. Quando ho iniziato ad avere regolarità con il rovescio, nel terzo set, ho raccolto i frutti. Sono riuscito a scendere a rete con maggiore frequenza“, ha spiegato lo scozzese che però riconosce la grandezza del suo avversario:”Novak ha vinto 6 volte questo torneo, lo scorso anno ha conquistato 11 titoli ed è già a quota 2 quest’anno: ha una costanza incredibile“. Adesso solo un pensiero per Murray: tornare a casa dalla moglie Kim che prestissimo darà alla luce il suo primogenito. “Salto sul primo aereo e volo via“, ha concluso il numero 2 del ranking Atp.