Martedi 6 Dicembre

Allegri-Morata, rottura totale: sei mesi di convivenza, poi l’addio. Sempre se…

LaPresse/Daniele Badolato

Ieri l’ennesimo strappo tra Alvaro Morata e Massimiliano Allegri, tra i due una rottura che sembra insanabile. E a fine stagione uno dei due lascerà a Juventus…

Un cambio dopo cinquantaquattro minuti e la delusione tutt’altro che nascosta sul suo viso. Non ha brillato ieri Alvaro Morata, ma lo spagnolo non si attendeva di lasciare il campo a Zaza pochi minuti dopo l’inizio del secondo tempo. Dopo la doppiette con Inter in Tim Cup e Chievo in campionato, l’attaccante bianconero sperava di avere più minutaggio. E al momento del cambio non ha nascosto il proprio disappunto. “Morata arrabbiato per il cambio? Lo era, ma io ancora di più. Ha allungato poco la squadra”, le parole di Allegri nel post gara.

E tra i due adesso sembra proprio essersi creata una rottura insanabile: lontani in tempi della scorsa stagione in cui Morata era un intoccabile, quest’anno poco campo e pochi gol. E tanta delusione. Che a fine stagione porterà all’addio al bianconero: il Real Madrid potrebbe esercitare la clausola di recompra e Morata non si opporrebbe assolutamente ad un ritorno in Spagna, viste le difficoltà in maglia Juventus. Ma gli scenari potrebbero essere capovolti: perché sul piede di partenza ci potrebbe essere anche Allegri, finito nella lista del Chelsea e della Nazionale azzurra per il dopo Conte. Tra i due, di certo, uno è di troppo…