Sabato 3 Dicembre

Zamparini, ma perché? che caos intorno alla panchina del Palermo

LaPresse/Davide Anastasi

Una situazione davvero paradossale quella che si è creata intorno alla panchina del Palermo: un caos creato da Zamparini, che non lascia indifferente la squadra

Iachini, Ballardini, per pochi minuti ancora Iachini. Poi il dietrofront, ed ecco Viviani, Schelotto e Bosi. Per finire ieri con l’annuncio del nuovo allenatore del Palermo: Giacomo Tedesco. Sembra avere davvero del paradossale la situazione che si è creata intorno alla panchina del Palermo. Dopo aver scelto l’argentino Schelotto, in casa rosanero si sono accorti che le pratiche per fargli ottenere il patentino non si sarebbero risolte in poco tempo ed ecco allora la corsa all’escamotage: l’idea è quella di tesserare l’argentino come dirigente accompagnatore per consentirgli di andare in panchina, ma ovviamente non può rimanere scoperta il tassello allenatore.

Ed ecco che ieri è arrivato l’annuncio del nuovo tecnico ‘formale’ del Palermo: Giovanni Tedesco,  fatto rientrare in fretta e furia nei quadri societari. Un caos in piena regala che non può non riflettersi sui giocatori e che vede come imputato principale il presidente Maurizio Zamparini. L’ambiente rosanero, tra polemiche, esoneri e risultati che non arrivano, è tutt’altro che sereno: un clima che sta complicando le cose anche ai giocatori. Sempre più spaesati. E cercare conforto in panchina potrebbe addirittura peggiorare le cose…