Sabato 3 Dicembre

Vendere, comprare, sognare: Milan, un mercato d’occasioni

LaPresse/Spada

Il Milan prova a sfoltire l’organico per poi puntare tutto su un centrocampista capace di aumentare la qualità delle rosa rossonera: ecco le linee guida del mercato del Milan

Il calciomercato che ritorna, l’occasione per sognare nonostante una classifica magari tutt’altro che soddisfacente. E il caso del Milan: una prima parte di stagione ben al di sotto delle aspettative, ma ecco arrivare l’ancora di salvezza (almeno così sperano i tifosi rossoneri) del mercato. La linea guida che arriva dal club di via Aldo Rossi è chiara: prima vendere, poi comprare. E se Luiz Adriano, attaccante brasiliano arrivato in estate per 8 milioni di euro, è ad un passo dal trasferirsi in Cina per una cifra che è quasi il doppio rispetto a quanto era stato pagato dal Milan, sul piede di partenza ci sono sempre Cerci, per il trasferimento al Genoa manca solo l’ok del fondo qatariota che ne detiene il 50% del cartellino, e Stephan El Shaarawy, che il Monaco non riscatterà e il cui futuro sembra essere nuovamente in Italia, sponda Roma.

Partenze sì, ma anche acquisti. Perché, specialmente se dovesse aggiungersi anche l’addio di De Jong, il Milan proverebbe a rinforzare il centrocampo, reparto che necessita di ulteriori ritocchi. Witsel e Fellaini sono suggestioni molto costose, che solo l’ingresso in società di Mr Bee potrebbe permettere di trasmodare in realtà. Ecco allora che il nome di Banega, in scadenza di contratto con il Siviglia, prende corpo sempre più con il passare delle ore. Non è da escludere, inoltre, che vista la partenza di Luiz Adriano e con Menez non ancora del tutto recuperato, il Milan cerchi un’occasione low cost, magari in prestito, anche per il reparto offensivo. Vendere per poi comprare. E continuare a sognare.