Domenica 4 Dicembre

Troppe critiche dai tifosi, Cerci elimina il proprio profilo Facebook

LaPresse/Valerio Andreani

Preso di mira dai tifosi rossoneri dopo la sconfitta con il Bologna, Alessio Cerci ha deciso di eliminare il proprio profilo Facebook

I fischi di San Siro sempre più assordanti, poi la rivolta social. Il pomeriggio da incubo di Alessio Cerci sembra essere durato anche dopo il triplice fischio finale della sfida con il Bologna, persa dai rossoneri e con l’esterno ex Torino tra i protagonisti in negativo della disfatta. Alessio Cerci, infatti, è stato preso di mira dai tifosi rossoneri che lo hanno pesantemente contestato prima in campo e poi sul web: centinaia i messaggi di critiche (e insulti) ricevuti, così tanti che hanno ‘costretto’ lo stesso Cerci ad eliminare il proprio profilo Facebook. L’ennesimo segnale di come il rapporto tra il giocatore e il tifo rossonero sia ormai quasi definitivamente incrinato, un amore mai sbocciato che adesso sta degenerando in odio (calcistico, ovviamente). Una contestazione che potrebbe spingere Cerci a lasciare il Milan: il suo passaggio al Genoa nei giorni scorsi sembrava cosa fatta, ma alcune titubanze da parte del giocatore e il rifiuto del fondo che detiene il 50% dei diritti economici del giocatore hanno bloccato il trasferimento. Che adesso potrebbe prendere nuovamente corpo. E in tempi davvero brevi.