Venerdi 9 Dicembre

Tennis-scommesse: il parere di Andy Murray

LaPresse/Reuters

Andy Murray chiede una maggiore e migliore informazione per i giovani dopo lo scandalo delle scommesse clandestine esploso ieri

Lo scandalo delle scommesse clandestine nel mondo del tennis ha creato un po’ di caos. C’è chi chiede delle prove, chi dei nomi, chi più controlli.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

C’è chi invece, come Andy Murray, chiede una migliore informazione nel mondo dei giovani: “io penso che gli sport in generale possono fare molto di più per contrastare il match-fixing, in particolare l’Atp può fare un lavoro migliore nell’informare i giovani giocatori su tutti i pericoli del caso. Sono consapevole che quando sei molto giovane e arriva gente che ti propone grandi somme di denaro si possono commettere errori. Credo sia importante che fin dalla più giovane età, i giocatori siano meglio istruiti e resi più consapevoli di cosa dovrebbero fare in quelle situazioni e come tali decisioni possano influenzare la carriera e tutto il nostro sport“, ha dichiarato lo scozzese. “Credo che di quanto sia uscito fuori qualcosa sia vero e qualcos’altro no. In ogni caso quando un ragazzo alle prime esperienze viene avvicinato e gli vengono promesse somme ingenti per truccare un match è facile che possa commettere errori”, ha aggiunto Murray che nel primo match degli Australian Open ha sconfitto il tedesco Alexander Zverev. “L’Atp deve essere più attiva e andare a parlare con i giocatori invece di apprendere di questi casi dai giornali o dalla Tv“, ha concluso il 28enne scozzese che sta per diventare papà.