Martedi 6 Dicembre

Tennis-scommesse, Binaghi: “il primo che becchiamo lo ‘ammazziamo’”

LaPresse/PA

Angelo Binaghi non si culla: controlli sempre costanti e sanzioni severe per chi è coinvolto nel giro di scommesse clandestine

La notizia lanciata ieri dalla BBC di un giro di scommesse clandestine che coinvolge ben 16 tennisti professionisti, 8 dei quali attualmente impegnati agli Australian Open, primo slam della stagione 2016 iniziato ieri sui campi in cemento di Melbourne, ha scosso l’intero mondo del tennis. Se da una parte c’è chi è un po’ diffidente e vuole prove più concrete, dall’altra c’è chi promette sanzioni dure per chi è coinvolto. “Scandalo gare truccate? La Federtennis è in prima linea contro questi fenomeni. Il primo che becchiamo lo ‘ammazziamo’ sportivamente parlando. Siamo in attesa di beccarne uno. Speriamo non ci sia ma lo cerchiamo con serietà e determinazione“, ha dichiarato il presidente della Federtennis, Angelo Binaghi. “Noi non siamo come l’Atp, noi pensiamo che, così come avviene in tutti gli sport nel mondo e negli altri paesi, anche in Italia, su 307mila tesserati che adesso abbiamo, bisogna stare molto attenti perché il calcolo delle probabilità ci dice che non sarebbe assolutamente anormale che ci fossero dei giocatori che fanno attività illeciteQuindi non ci culliamo dietro i fantastici risultati sportivi delle nostre ragazze e del nostro tennis, ma stiamo bene attenti, prima di tutto nel cercare di prevenire in mille modi e poi eventualmente di combattere qualunque fenomeno illecito“, ha concluso Binaghi.