Venerdi 9 Dicembre

Targhe auto: nel 2016 diventano più costose

Le pratiche per ottenere una targa auto o una moto aumenteranno fino ad un massimo di 2 euro

Per fare cassa, lo Stato aumenta tasse e balzelli un po’ dovunque, specie nel settore auto, dove gli automobilisti italiani risulta i più tartassati d’Europa. Purtroppo però non sempre ce ne rendiamo conto, perché gli aumenti risultano spesso di pochi euro, ma alla fine dei conti il contribuente si trova con sempre meno denaro a disposizione. L’ultimo esempio di questo genere arriva dalle targhe auto che subiscono un rincaro deciso durante le festività da decreto ministeriale pubblicato sulla Gazzetta ufficiale.

Secondo il suddetto decreto, chi richiede una nuova targa, per una nuova immatricolazione, oppure per sostituirne una non più utilizzabile dovrà sborsare da un euro e mezzo fino a due euro. A partire dal 1° gennaio 2016, il prezzo di partenza per una targa auto passa da 27 a 41,78 euro, mentre per le province a statuto speciale di Aosta, Bolzano e Trento il costo aumenta da 44,02 euro a 45,68 euro.

Anche il costo delle targhe relative alle moto aumenta: il costo base per una targa moto passa da 21,45 a 22.26 euro, mentre quella per i ciclomotori da 13,08 a 13,58, mentre quelle della Polizia locale auto da 40,27 euro a 41,78 euro.