Sabato 10 Dicembre

Sci, Deborah Compagnoni esalta la Vonn: “ricordo ancora quando mi chiese l’autografo”

Deborah Compagnoni esalta Lindsey Vonn e ricorda quando le chiese l’autografo ai Mondiali 2005

Il 23 e 24 gennaio si terrà a Cortina una tappa di Coppa del mondo di sci femminile. La campionessa statunitense Lindsey Vonn è già in Italia per allenarsi con la sua squadra, ma forse ancora non sa che nel fine settimana all’Olympia della Tofane, ad ammirarla ci sarà l’ex sciatrice italiana Deborah Compagnoni.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

La campionessa azzurra elogia la collega statunitense per i suoi incredibili successi ma soprattutto per la sua longevità: “è capace sempre di stupire e al di là dei record. Lindsey è grandissima. La gente pensa alle vittorie, io guardo la longevità. E’ sulla scena da 15 anni e quella di oggi mi sembra la più forte di sempre. Mi fa quasi impressione pensare a quella ragazzina che a Santa Caterina ai Mondiali 2005 venne nel mio hotel per chiedermi l’autografo“, ha dichiarato Deborah Compagnoni. “La Vonn ha talento, ma da solo non basta. Negli anni ha saputo crescere sempre, ha sfruttato ogni occasione per imparare da grande professionista. Ma un lato importante sono le motivazioni. Quando vinci calano, è difficile continuare ad allenarsi al massimo. Lei invece sembra bulimica, ogni volta che esce dal cancelletto lo fa come se fosse l’ultima della sua vita. Non è facile“, ha continuato l’ex sciatrice azzurra.

lindsey vonn“Gli infortuni se mentalmente li affronti nel modo giusto ti fanno crescere. La Vonn, dopo quell’infortunio è ancora migliorata. Cresciuta tecnicamente perché ora ha maggior continuità, ma soprattutto dal punto di vista psicologico. Ho la sensazione che sappia gestire meglio la gara, che sappia applicare tutta la sua esperienza per estrarre il massimo da ogni situazione“, ha concluso la Compagnoni riferendosi al brutto infortunio della Vonn durante il superG dei Mondiali di Schladming del 2013.