Venerdi 9 Dicembre

Sarri avvisa il Napoli: “in pochi come Cassano, domani servirà cattiveria mentale”

LaPresse/Gerardo Cafaro

Dopo una settimana turbolenta, Maurizio Sarri torna a parlare di calcio e presenta la sfida con la Sampdoria: “mi aspetto risposte dalla mia squadra”

“Ho sbagliato, ma a differenza di quanto accade solitamente in Italia mi sono preso le mie responsabilità. Sono molto contento che Mancini abbia accettato le scuse,  aggiungo solo che mi è dispiaciuto passare per razzista ed omofobo. Con questo, non parlerò mai più di questa vicenda”. Punto e a capo, Maurizio Sarri adesso pensa solo al campo. Domani ci sarà da affrontare una sfida molto impegnativa contro la Sampdoria e l’allenatore del Napoli pensa solo a prepara la gara contro i blucerchiati: “Voglio risposte dopo l’ultima sconfitta e dimostrare che queste vicende non ci condizionano. E’ una gara importante anche mentalmente, vogliano cattiveria mentale; nella Sampdoria iniziano a vedersi le idee di Montella, sarà una partita molto difficile”.

Sarri elogia poi Antonio Cassano, avversario che domani dovrà essere guadato a vista: “Lui è un talento naturale, lo sa pure lui che poteva fare di più. Ha dei colpi che hanno in pochissimo, è uno dei più forti della sua generazione, ma probabilmente caratterialmente non sempre ha trovato quello di cui aveva bisogno. Alla Samp l’ho rivisto rigenerato e per noi è una minaccia enorme”.