Sabato 3 Dicembre

Roma, Spalletti si stropiccia gli occhi: “è un’emozione vedere i ragazzi abbracciarsi dopo il match”

LaPresse/Alfredo Falcone

L’allenatore della Roma esalta la prestazione dei suoi ragazzi, ponendo l’attenzione sullo spirito di gruppo che si sta ricreando all’interno dello spogliatoio

Finalmente una vittoria, tre punti che fanno respirare la Roma e le permettono di guardare con ottimismo al futuro dopo un periodo buio caratterizzato da scarsi risultati.

Lapresse

Lapresse

Il 3-1 al Frosinone lascia soddisfatto Luciano Spalletti che, nel dopo-partita, commenta così il successo dei giallorossi ai microfoni di Sky. “E’ un’emozione vedere come si abbraccino i ragazzi a fine partita, un po la sintesi della nostra condizione mentale. Abbiamo provato a fare bene per tutta la partita, questo è l’importante; anche senza poi riuscirci. Mi è sembrato che la squadra abbia tentato di proporre, ha fatto tre gol e qualche bella azione. E siamo stati bravi a gestirla, ritrovando il piacere di essere tranquilliTotti quando gioca tra le linee e con la palla tra i piedi è l’unico che non soffre le situazioni, perchè ha quella personalità e qualità, così come la storia. Dzeko? Non bisogna metterlo a confronto con Francesco continua Spalletti – hanno caratteristiche diverse e non hanno gli stessi minuti nelle gambe. Valutando tutto, comunque, abbiamo fatto una discreta prestazione. Bravo il Frosinone a saltarci addosso, questa volta non ci è venuto il braccino di non giocareNel gol di El Shaarawy c’è quell’entusiasmo di cui parlavo, è contento di essere parte di questa famiglia. Rüdiger l’abbiamo provato esterno, ha fatto molto bene e abbiamo trovato la possibilità di avere un’opzione in più.