Domenica 11 Dicembre

Pogba, Morata e le mani legate del Real: ecco come cambia il mercato della Juventus

LaPresse/Daniele Badolato

Il blocco del mercato del Real Madrid sconvolge i piani di mercato della squadra di Perez. Ed a giovarne è la Juventus, ecco il perché

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Non avranno stappato lo Champagne perché il mercato è strano, si sa, certo però che alla notizia del blocco del mercato del Real Madrid per le prossime due sessioni in casa Juventus avranno tirato un sospiro di sollievo. Ed il motivo ha un nome ed un cognome ben preciso: Paul Pogba. Il centrocampista francese da tempo nei sogni del Real è stato uno dei primi nomi che il nuovo allenatore dei blancos Zinedine Zidane ha fatto alla dirigenza Merengues. “Paul ad ogni costo ed il prima possibile”. E quando il Real si mette in testa un obiettivo… Poi ieri la sanzione della FIFA a scombinare piani a progetti: perché pensare ad un addio di Pogba già a gennaio direzione Madrid è davvero fantamercato. Un ‘avversario’ in meno per l’estate, quando l’asta per il centrocampista bianconero potrebbe sfondare il muro dei 100 milioni: Psg, Barcellona, Chelsea e United i club in prima fila.

LaPresse - Alfredo Falcone

LaPresse – Alfredo Falcone

Pogba ma non solo, perché il blocco del mercato del Real Madrid regala un altro sorriso in casa Juventus. Tra i due club c’è sempre vivo il discorso Alvaro Morata, con la dirigenza spagnola che, essendo impossibilitata ad operare in entrata, non potrà esercitare la clausola di ‘recompra’ sull’attaccante spagnolo. Possibile, però, che il Real decida di anticipare l’operazione già a gennaio e in questo caso la Juventus non si opporrebbe ad un cessione (cosa avvenuta ad esempio con Zaza), non trattandosi di un titolare fisso: il club bianconero tratterebbe però da una posizione di forza, potendo presentare una richiesta per il cartellino molto più elevata rispetto ai 35 milioni fissati come da accordo per la recompra.