Sabato 3 Dicembre

Non si chiude il caso Pantani: il gip di Rimini dice no all’archiviazione

LAPRESSE

C’è ancora qualche speranza per il caso Pantani: il gip di Rimini ha deciso di non archiviarlo

Marco Pantani è morto a causa di presunti antidepressivi o è stato assassinato? Questa è la domanda che ancora in molti si pongono. Una domanda alla quale, per adesso, nessuno sa dare una risposta certa. La famiglia del “Pirata”, tutti i suoi fan, gli appassionati di ciclismo, e tutta l’Italia intera vorrebbero sapere la verità. Il gip di Rimini, ha adesso deciso di non archiviare il caso, ritenendo fondata l’opposizione del pm Paolo Giovagnoli. Il 24 febbraio dunque si terrà una nuova udienza nella quale il giudice mira a capire se ci sono spunti necessari per continuare a indagare o se invece non c’è nulla a cui aggrapparsi. Tanti i punti che non tornano, tantissimi i dubbi: i tre giubbotti appesi in camera, la pallina di coca prima assente (secondo le infermiere) poi presente (nel video girato dalla polizia) e tanto altro. L’Italia vuole la verità, i familiari vogliono la verità, i fan vogliono la verità.