Venerdi 9 Dicembre

Moto Gp, l’ingegnere della Bridgestone racconta: “Rossi incredibile, Lorenzo invece…”

LaPresse/REUTERS

Pit Baumgartner racconta la sua esperienza in casa Yamaha, a stretto contatto con Valentino Rossi e Jorge Lorenzo

Fino alla scorsa stagione di Moto Gp, le moto “indossavano” le gomme Bridgestone. Da quest’anno invece i piloti avranno a che fare con gli pneumatici Michelin. Di recente, Pit Baumgartner, ingegnere tedesco della Bridgestone, ha rilasciato una intervista a Speedweek nella quale racconta la sua esperienza in casa Yamaha, a stretto contatto con Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. “Il rapporto con la Yamaha è stato grande fin dall’inizio. A quel tempo, il capo corsa Furusawa era ancora lì. Il primo incontro con lui fu incredibile e indimenticabile. Rossi era incredibilmente aperto. Abbiamo lavorato bene fin dall’inizio e parlato molto. Volevo sapere cosa volesse e di cosa avesse bisogno. Questo è stato fin dall’inizio una combinazione perfetta”, ha spiegato Baumgartner. Valentino Rossi “spesso mi ha messo alla prova. Voleva scoprire a che punto ero con la mia esperienza. Questo è quello che ho notato. Voleva sapere se fossi alle prime armi o se avessi davvero esperienza”, ha continuato l’ingegnere della Bridgestone.  “Con Lorenzo ho dovuto impiegare un sacco di tempo fino a quando non ha avuto abbastanza fiducia… ho dovuto fargli capire che io lavoravo anche per lui, non solo per Rossi. E’ stato molto difficile all’inizio con Lorenzo perché forse pensava che non li trattasi allo stesso modo”, ha concluso Baumgartner.