Giovedi 8 Dicembre

Inter, Mancini frena sullo scudetto: “presto per parlarne. Titolari per domani? Ve ne dico 5”

LaPresse/Fabio Ferrari

L’allenatore nerazzurro analizza tanti temi in vista della gara di domani contro l’Empoli, svelando anche i nomi di cinque giocatori che partiranno titolari al Castellani

La gara contro l’Empoli per mantenere la vetta e sognare sempre più in grande, l’Inter si prepara alla trasferta in Toscana con la voglia di prendersi tre punti pesantissimi. Roberto Mancini, in conferenza stampa, analizza così l’impegno nerazzurro di domani al Castellani: “a Doha il clima era buono, abbiamo lavorato bene.

 LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Domani dovremo essere perfetti perché l’Empoli sta andando benissimo. Nessuno pensava potessimo essere in questa posizione arrivati a questo punto della stagione, anche se la classifica può cambiare ogni settimana. L’importante è essere sempre nella zona di testa. Noi siamo stati lì tante settimane, l’abbiamo meritato, dobbiamo dimostrarlo fino alla fine. Scudetto? Presto per parlarne, tante possono vincere il campionato. Dobbiamo lavorare, essere consapevoli che se lavoriamo bene e siamo concentrati possiamo rimanere lì. Cambiare spesso modulo? Fino ad oggi tutti i giocatori hanno dato il massimo quando hanno giocato. Se questa è la strada, si continua così. Se poi troviamo un undici base e va bene, si può anche cambiare. Importante è che arriviamo al risultato“. Il collettivo ma non solo, Mancini parla anche dei singoli e delle tentazioni di mercato: “Nagatomo e Palacio? Fosse per me sì, rinnoverei loro il contratto. Si tratta di professionisti straordinari, stanno facendo bene e sono da tanto all’Inter.

LaPresse - Spada

LaPresse – Spada

Brozovic? Si sta inserendo benissimo adesso, se lavorerà diventerà uno dei migliori centrocampisti in assoluto. Non abbiamo alcuna intenzione di cederlo neanche di fronte ad un’offerta enorme. Abbiamo già fatto sacrifici. Cessioni? Ad oggi nessuno ha chiesto di andare via. Lui ha qualità incredibili. Titolari domani? Samir, Miranda, Murillo, Medel, Ljajic“.