Domenica 11 Dicembre

Inno Nazionale, l’Inghilterra dice addio a “God save the Queen”?

LaPresse/ALFREDO FALCONE

In Inghilterra una proposta che fa tanto discutere: cambiare l’inno Nazionale

L’Inghilterra chiede di poter avere un inno proprio. Così come la Scozia e il Galles, l’Inghilterra vuole poter cantare un inno tutto suo, e non quello del Regno Unito, durante gli eventi sportivi. A chiederlo è il deputato laburista Toby Perkins: “vorrei dire da subito che non sono un repubblicano, nè un ateo, nè un nazionalista inglese… I deputati non troveranno in me alcuna ostilità verso Dio, sua maestà la Regina, God Save the Queen o il Regno Unito” ha dichiarato nell’aula di Westminster. “In realtà è precisamente per il rispetto che ho di queste cose che ritengo sia giunto il momento di prendere in esame la questione di un inno nazionale inglese“, ha continuato Perkins durante la presentazione della sua mozione alla Camera dei Comuni. Perkins ha proposto, come sostituto di “God save the Queen” l’inno “Jerusalem”, tratto da una poesia di William Blake del 1808, già utilizzato in occasione di alcuni incontri di rugby e cricket. Sono candidate ad inno nazionale anche “Land of Hope and Glory” o “There’ll always be an England”. La Camera non ha attualmente preso una decisione: darà una seconda lettura alla proposta a marzo.